di Redazione

Avanti Insieme per l'Italia interviene sui dati della fiscalità del Comune di Siracusa

 

Il consiglio direttivo di Avanti Insieme per l'Italia interviene sui dati della fiscalità locale presentati dal sindaco di Siracusa Francesco Italia in conferenza stampa. In una nota, il gruppo saluta "con estremo favore la netta inversione di tendenza che può desumersi dai dati illustrati dal Sindaco, riguardanti l’evasione dei tributi e l’esazione degli stessi"

Avanti Insieme crede che si debba insistere nella scelta politica del recupero dell’eluso e dell’evaso e sottolinea che questa linea, che potrebbe sembrare impopolare, è l’unica via legittima per garantire equità sociale a tutti i cittadini siracusani ed, in prospettiva, l’unico modo per abbassare le imposte comunali.
"Il dato, anche oggi sottolineato, relativo all’evasione di ben 400 milioni di euro, dal 2004 al 2014, rimane un’onta insopportabile nei confronti degli onesti contribuenti siracusani, coloro che le tasse le hanno sempre pagate, a vantaggio di qualche furbetto, nonché la cartina di tornasole del “modus administrandi” di qualche emerito, che oggi si erge a censore dei costumi ma che – con tutta evidenza – quando ha avuto l’onere di amministrare Siracusa non ha prestato la dovuta attenzione agli evasori ed agli elusori. Bastava una scelta politica per invertire il trend. Il coraggio di una scelta che scovasse chi non paga e lo ponesse in condizione di aderire volontariamente perché, ricordiamolo, non pagare le tasse è una gravissima ingiustizia nei confronti degli onesti cittadini contribuenti"

Il consiglio direttivo di Avanti Insieme per l'Italia ringrazia il Sindaco, l’Amministrazione e tutti i dipendenti che si sono impegnati, e che continueranno a farlo, affinchè  "questo trend salga sempre di più".