di Francesca Garofalo

“Questa volta sarà quella buona, non posso smettere adesso”. Parole, di vana speranza che riecheggiano nei pensieri di una persona affetta da disturbo patologico di gioco d’azzardo, un comportamento compulsivo che trascina in un circolo vizioso,